Un Venezia rimaneggiato cede i tre punti al Borbiago



VENEZIA-BORBIAGO 2-5

Reti: 1’ Levorato (B), 4’ Bollani (B), 27’ Troisi (B), 31’ Foccardi (V), 52’ Troisi (B), 65’ Unizzi (B), 68’ Omacini (V).

Spettatori: 70 circa


VENEZIA: Oselladore, Solesin, Mazzoleni, Perrotta, Forin, Casagrande, Carraro, Settimo, Foccardi, Omacini, Meneguzzi. (Puppin, Regini, Rinaldo, Ballarin, Semenzato, Gervasutti)

All. Omacini.


BORBIAGO: Muffato, Cavinato, Di Giulio, Vairo, Vianello, Camozzi, Unizzi, Levorato, Bollani, Campagnol, Troisi. (Milano, Azzella, Ghedin, Zanon, Lazzarin, Cuogo)

All. Rado.


VENEZIA - Un Venezia fortemente rimaneggiato a causa delle squalifiche e degli infortuni cede il passo di fronte ad un Borbiago ormai lanciato verso la testa della classifica. Pronti, via e il Borbiago è già in vantaggio con Levorato. Con difesa e centrocampo praticamente inediti i lagunari sembrano vistosamente spaesati e subiscono il raddoppio al 4’ con Bollani. Destatosi dall’uno-due iniziale il Venezia comincia a macinare gioco, ma nel miglior momento lagunare è proprio il Borbiago a trovare ancora la via del gol con Troisi che supera Oselladore con un destro del limite che si infila all’incrocio del pali. Al 31’ Foccardi accorcia le distanze per l’1-3 che chiude il primo tempo.

La ripresa inizia con il Venezia alla ricerca del gol che possa riaprire la partita, ma prima Meneguzzi e poi Carraro non trovano l’attimo vincente per concretizzare. Proprio nel momento del maggior sforzo veneziano il Borbiago trova la rete che chiude di fatto la partita con Troisi. Al 65’ Unizzi coglie l’incrocio con un fortunoso sinistro al volo.

L’incontro si trascina quindi stancamente fino alla lconclusione. Da segnalare solo l’acuto di Omacini per il definitivo 2-5.