Il Venezia saluta la vetta

ALTOBELLO A.B. - VENEZIA 4-2

RETI: 16’ Garbisa (V), 33’ Foccardi (V), 38’ Scanferla (A), 55’ Finotto (A), 90’ Troisi (A), 92’ Benzo (A).

SPETTATORI: 100 circa


ALTOBELLO A.B. Bozza, Fagherazzi, Cavinato, Cancelliero, Finotto, Azzanella, Troisi, Busato, Scanferla, Manente, Malgaretto (Muffato, Di Giulio, Balocchi, Roberto, De Pieri, Benzo, Pitteri).

VENEZIA Zara, Andreolli, Forin, Casagrande, Garbisa, Barbini, Costagliola, Piliego, Foccardi, Irrgang, Solesin (Oselladore, Mazzoleni, Marin, Toniolo, Meneguzzi).



MESTRE. Il Venezia esce sconfitto, ma sicuramente non ridimensionato, dal confronto con l’AltobelloAleardiBarche ed in un sol colpo perde imbattibilità stagionale e vetta della classifica. Nonostante il doppio e meritato vantaggio i lagunari si sono fatti prima raggiungere e quindi superare in pieno recupero, dai volenterosi padroni di casa dopo aver sfiorato in almeno tre occasioni il gol vittoria.

Dopo un quarto d’ora di studio reciproco è il Venezia a passare in vantaggio. Angolo di Piliego, Garbisa sfugge alla marcatura mestrina e supera Bozza con un colpo di testa a fil di palo. Il pallino del gioco passa nettamente in mano ai veneziani che coronano la netta superiorità con un “eurogol” di Foccardi che coglie l’incrocio dei pali con un destro al volo imparabile. La gara sembra chiusa, ma l’Altobello ha il merito di non mollare grazie anche ad un rigore trasformato da Scanferla al 38’ che rigenera l’animo dei padroni di casa. La ripresa si apre col prevedibile forcing dei padroni di casa che raggiungono il pareggio grazie ad un colpo di testa di Finotto che concretizza un ottimo schema su calcio d’angolo con la difesa veneziana colta di sorpresa.

Gli ultimi venti minuti sono tutti di marca lagunare. Il Venezia da fondo a tutte le energie rimaste e crea tre nitide occasioni da rete con Meneguzzi (due volte) e Toniolo ma la palla, complice anche la sfortuna, proprio non ne vuol sapere di entrare, negando così il meritato vantaggio al Venezia. Allo scadere, e nella più classica delle azioni di contropiede, arriva il sorprendente vantaggio dei padroni di casa con Troisi. Il quarto gol di Benzo rileva solo ai fini statistici.