Ci ha lasciato Eraldo Mancin

Eraldo Mancin si è spento oggi all’ospedale dell’Angelo di Mestre all’età di 71 anni dopo una breve e subdola malattia. Difensore tecnico ed elegante, fortemente legato al Venezia, ha saputo conquistare ben due scudetti in “provincia” – e per questo ancor più difficili - con Fiorentina e Cagliari.

Nato a Porto Tolle nel 1945 Mancin ha mosso i primi passi calcistici nel Contarina dove viene notato dagli osservatori del Venezia che lo portano in laguna appena quattordicenne. Esordisce in prima squadra nel campionato di serie B ‘63/’64. Dopo una breve parentesi al Verona causa servizio militare Mancin torna al Venezia con cui disputa un’ottimo campionato di serie A (1966/67). Il Venezia retrocede in B e dopo 75 presenze Mancin lascia la maglia neroverde per andare a Firenze. Vinto lo scudetto con la viola si trasferisce al Cagliari dove compie un’impresa che resterà storica portando il tricolore in Sardegna. Conclude la carriera prima al Pescara e poi alla Mestrina di cui diventerà anche allenatore.

Nonostante il lungo girovagare Eraldo era tornato a vivere in laguna (abitava a Campalto) per avviare la propria carriera di allenatore (Mestrina, Pro Mogliano, Belluno e Rovigo) e per dedicarsi infine ad un’attività commerciale.

Nonno a tempo pieno, Eraldo lascia la moglie Daniela ed i due figli Antonio e Federica.


Il Calcio Venezia 1907 esprime le proprie condoglianze a tutta la famiglia Mancin.